Marina Militare Italiana Web Community Ufficiale

Il pattugliatore di squadra Artigliere ha ammainato oggi la sua bandiera

13.12.2013 20:35

Cerimonia dell'ultimo ammaina bandiera del pattugliatore di squadra Artigliere oggi a Castellammare di Stabia, Napoli. L’unità della Marina Militare ha terminato così la sua vita operativa dopo 30 anni di attività al servizio delle istituzioni e della collettività. La bandiera di combattimento è stata consegnata dal comandante della nave al Capo di stato maggiore, ammiraglio di squadra Giuseppe De Giorgi, per poi essere conservata a Roma all’interno dell’Altare della Patria nel Museo Sacrario delle Bandiere delle Forze Armate.

Nave ArtigliereAlla cerimonia, presso il Molo Sottoflutto del porto, presenziata dall'amm. De Giorgi, hanno partecipato il sindaco di Castellammare di Stabia, il vicepresidente dell'associazione artiglieri in congedo, generale Genta, e altre autorità civili e militari.

Il comandante di nave Artigliere capitano di fregata Paolo Casulli ha sottolineato come questo momento di tristezza rappresenti la condizione necessaria per la ristrutturazione della flotta della Marina  in uno scenario mondiale; il generale Genta ha ricordato che sono 106 gli anni in cui il nome "artigliere" appartiene alle nostre unitá confermando il legame che lega gli artiglieri ai marinai.

L' ammiraglio De Giorgi ha affermato: "ci auspichiamo che presto altre splendide navi vengano costruite su questi scavi per il rilancio della cantieristica, delle industrie correlate e dei relativi indotti nel mezzogiorno".  "Rendiamo omaggio - ha proseguito l'Ammiraglio -  alle maestranze del cantiere stabiese il cui impegno, professionalità e passione rappresentano un patrimonio inestimabile per il rilancio del paese".

L'evento, fortemente voluto in questa città, ha ufficialmente sancito la radiazione di nave Artigliere, attività che si inserisce all’interno del ridimensionamento della flotta italiana a causa dell’invecchiamento della squadra navale. “Nei prossimi 10 anni, 50 navi verranno radiate e sostituite con 25 nuove polivalenti e tecnologicamente all'avanguardia, in grado di soddisfare tutte le esigenze nazionali, sfruttando le ottime competenze e qualità dei cantieri navali stabiesi” ha affermato l’ammiraglio De Giorgi.

La giornata è cominciata con un incontro tenutosi presso la reggia di Quisisana sul tema "prospettive della cantieristica stabiese". Alla tavola rotonda che si è aperta con i saluti del sindaco di castellamare di stabia  Nicolò Cuomo, hanno partecipato l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi il Sottosegretario alla difesa Gioacchino Alfano, l’assessore alle politiche del lavoro della regione campania On Severino Nappi e il rappresentante della Fincantieri il Dott. Marcello Sorrentino. Nel corso della tavola rotonda, durante il suo intervento, l’Amm De Giorgi ha illustrato ai presenti le linee programmatiche della Marina Militare e le prospettive future, mostrando la  criticità, rappresentata dall’anno 2025 nel quale se non ci saranno interventi economici a sostegno, la Marina ridurrà drasticamente le navi della propria flotta rischiando di diventare una “Marina virtuale”. Il Sottosegretario Alfano nel suo intervento ha sottolineato l’importanza degli investimenti economici nel settore della cantieristica e riferendosi alla cerimonia dell’ultimo ammaina bandiera di nave Artigliere ha definito la cerimonia particolarmente significativa per ciò che essa rappresenta per la Marina, per la cantieristica navale nazionale e per il paese.

Dopo aver consegnato la bandiera di combattimento al capo di Stato maggiore della Marina, nave Artigliere, trainata da due rimorchiatori, ha mollato gli ormeggi per compiere le ultime 328 miglia che la separano dal porto di La Spezia.

 

 

 

 

(www.marina.difesa.it)

Cerca nel sito

Notizie

21.03.2014 09:43

Il Notiziario della Marina dedicato ai nostri Fucilieri è online

Tra i temi trattati nel nuovo numero del Notiziario della Marina, scaricabile in versione pdf...

Tag

La lista dei tag è vuota.

             

      

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode