Marina Militare Italiana Web Community Ufficiale

Accademia Navale di Livorno: 139 allievi hanno giurato fedeltà alla Repubblica

10.12.2013 10:07

139 allievi dell'Accademia Navale hanno giurato questa mattina a Livorno. Questo il numero dei giovani che hanno scelto di far parte della “famiglia marinara” e che hanno fatto brillare gli occhi dei loro cari urlando “Lo giuro!”, di fronte al Sottosegretario di Stato alla Difesa, senatrice Roberta Pinotti, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, il Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi e le Autorità civili, militari e religiose.

“Noi assolviamo ad una funzione fondamentale – ha sottolineato l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Comandante dell’Accademia Navale – quella della sicurezza e della salvaguardia di tutto ciò che l’intero Paese ha contribuito a creare: cultura, libertà, sicurezza e pace. Quando tutto questo sarà in percolo gli sguardi della Nazione si rivolgeranno verso di noi e noi dovremo essere professionali e saldi, ma soprattutto sereni di aver fatto il meglio per poter assolvere le nostre missioni. Noi giuriamo – ha continuato – che non cederemo mai e che la nostra vita sarà diversa da quella degli altri, perché ci impegneremo con dedizione e lealtà al Paese”.

L’Ammiraglio De Giorgi, nel rendere deferente omaggio al Capo dello Stato “che mantiene salda la barra del timone per la tutela di tutti e per la sicurezza del nostro Paese”, ha posto l’accento sul valore del sacrificio e dei valori condivisi nella famiglia marinara, esortando gli Allievi a sviluppare il coraggio morale e in particolare la capacità di vegliare sulla sicurezza di tutti e sulla tutela dei più deboli. “L’indifferenza o l’impegno saranno lo spartiacque della vostra capacità di saper pensare al futuro dei vostri equipaggi. Non scendiate mai a compromessi, se farete riferimento al vostro coraggio morale i vostri uomini e le vostre donne vi guarderanno negli occhi con orgoglio e senso di sicurezza”.

“Non c’è professionalità senza etica” ha detto il Capo di Stato Maggiore della Difesa, “un’etica fatta di valori solidi, che si alimentano dalla cultura e dalla professionalità, soprattutto nella compagine militare. Dobbiamo lavorare con impegno per continuare a far crescere queste capacità virtuose e non virtuali, nel senso di virtus latina, cioè una convinzione, un’immagine alta e nobile di se stessi e del valore della propria identità ed onorabilità”.

Valori impressi nella formula del giuramento, ha ricordato la Senatrice Pinotti, che esplicitano il significato profondo dell’articolo 11 della Costituzione: la sacralità del dovere di difesa della Patria. “Quando si rende necessario si deve intervenire, al fine di salvaguardare la pace”. Motivo per il quale, ha proseguito la Senatrice, il Parlamento sta lavorando molto per garantire alle Forze Armate gli strumenti necessari ad operare in maniera efficace, con capacità di livello adeguato agli attuali e futuri scenari internazionali.
Unanime il ringraziamento delle Autorità alle famiglie degli Allievi, che hanno insegnato loro ad avere il coraggio di compiere scelte importanti per il futuro del Paese.

 

 

 

(www.marina.difesa.it)

Cerca nel sito

Notizie

21.03.2014 09:43

Il Notiziario della Marina dedicato ai nostri Fucilieri è online

Tra i temi trattati nel nuovo numero del Notiziario della Marina, scaricabile in versione pdf...

Tag

La lista dei tag è vuota.

             

      

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode